Pollo piri piri

Piri-piri: sapete cosa mi ricorda ? Vi ricordate quella scena del film “Il ciclone” di Leonardo Pieraccioni quando al ristorante Tosca D’Aquino completamente ubriaca faceva il verso “piri- piriiiii” ? Ecco, quando ho letto il nome della ricetta sul libro “I miei menù da 30 minuti” di Jamie Oliver mi è un po’ scappato da ridere ripensando a quella scena.

Il mio adorato Jamie (ammetto, sono una fan sfegatata, sia della cucina che delle sue fotografie!) ha dunque ripreso una ricetta tipica portoghese: già, perché piri-piri altro non è che il nome dei piccoli ma piccantissimi peperoncini africani importati dai portoghesi dalle colonie del Mozambico.

Nel pollo piri-piri i peperoncini vengono frullati insieme alla paprika, all’aceto e al succo di limone ( e ad altri condimenti che vedremo più giù nella ricetta 🙂 ) per creare una salsa dai sapori decisamente forti. 

E…. udite udite: si prepara in tempi piuttosto rapidi! In effetti se il nostro amico Jamie l’ha inserita nel suo libro di menù in 30 minuti, per preparare il pollo piri piri non serve prendere un permesso dal lavoro ma può essere un’ottima soluzione salva cena ! 

Ed ora parliamo di contorno: io ho fedelmente seguito la ricetta di Jamie che suggeriva l’aggiunta di peperoni al pollo in cottura; se preferite potete invece servire assieme alla carne una fresca insalatina di stagione (anche per “stemperare” un pochino il calore del pollo !) oppure patate al forno che fanno sempre fine e non impegnano.

Ed ora, la ricetta !! 

pollo piri piri_lapulcetraifornelli

Pollo piri piri

Un secondo piatto facile e veloce da preparare, per gli amanti del piccante ! 

Piatto Main Course
Cucina Mediterranean
Keyword jamie oliver, pollo
Preparazione 10 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo totale 30 minuti
Porzioni 2 persone
Calorie 380 kcal

Ingredienti

  • 2 sovracosce + cosce di pollo
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • rametti di timo fresco
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine

Per la salsa piri piri

  • 1 cipolla rossa
  • 4 spicchi d’aglio
  • 1-2 peperoncini
  • 2 limoni non trattati
  • 2 cucchiai paprika affumicata dolce
  • 4 cucchiai aceto di vino bianco
  • 2 cucchiai salsa Worcester
  • un mazzetto basilico fresco

Istruzioni

  1. Mettete a scaldare una grossa piastra per grigliare e accendete il forno a 200°. 

  2. Mettete il pollo su un tagliere di plastica con la pelle rivolta verso il basso, separate le cosce dalle sovracosce con un coltello e praticate qualche incisione sulla carne.

  3. Condite i pezzi di pollo con un po’ d’olio, sale e pepe, poi sistemateli sulla piastra  con la pelle rivolta verso il basso. Cuocete finché saranno dorati sotto, poi voltateli.

  4. Nel frattempo, pelate e tritate grossolanamente la cipolla rossa e mettetela nel frullatore con 4 spicchi d’aglio pelati. Aggiungete i due peperoncini (privati del picciolo), 2 cucchiai di paprika, la scorza dei due limoni e il succo di un limone.

  5. Poi versateci dentro anche 4 cucchiai d’aceto di vino bianco, 2 cucchiai di salsa Worcester, una bella presa di sale e pepe, il mazzo di basilico e un goccio d’acqua.Frullate fino ad ottenere una salsa liscia.

  6. Mondate e tagliate a striscioline i peperoni e metteteli sulla piastra. Abbassate un po’ la fiamma e dopo qualche minuto girateli.

  7. Versate la salsa piri piri in una teglia non troppo grande. Sistemateci sopra i peperoni e aggiungete le cosce di pollo. Spargeteci sopra i rametti di timo, poi mettete la teglia sul ripiano più alto del forno

  8. Fate cuocere ancora 10 minuti, poi servite subito. 

Il pollo è un protagonista indiscusso della mia cucina, vuoi perché mi è sempre piaciuto tanto, vuoi perché si presta a tante cotture e condimenti diversi: dal pollo della domenica con ripieno della mia mamma al pollo al profumo di berberé, se provate a fare una ricerca sul blog troverete tante idee per cucinarlo, anche in modo meno speziato di questa ricetta e che possa piacere anche ai bimbi ! Buona lettura 🙂 

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.