Zuppetta di moscardini e patate

Zuppetta di moscardini e patate: ovvero come cercare di portare in tavola un po’ di profumo di quel mare che quest’anno non abbiamo nemmeno visto da lontano!!  

Eh sì, quest’anno credo di aver battuto ogni tipo di record, in quanto non siamo riusciti ad andare neanche una volta al mare… nemmeno un bagnetto o una passeggiata sulla spiaggia. Niente!!!   

Però ci siamo rifatti con la montagna, abbiamo camminato molto, parlato tanto, dormito troppo. Abbiamo nuotato sufficientemente per non sentirci in colpa durante il consumo serale di spritz; abbiamo tirato fuori dal cassetto idee e sogni con l’intento di rendere reali le prime e di lasciare al loro posto i secondi.

Direi anche mangiato perché la Pulce e consorte hanno messo su in quindici giorni quasi due chili a testa ! Ma il tre di settembre ci iscriviamo in palestra e facciamo detox….

Ok, non ci credete voi e tanto meno  io. Intanto iniziamo a gustarci questa zuppetta deliziosa, accompagnata da un buon vino e da buona musica, su questo terrazzo vista campagna della nostra nuova casetta, che ci ha tenuto con sé in questa prima estate insieme. 

 La vasocottura mi ha sempre ispirato moltissimo, credo che sia il metodo  migliore per mantenere i profumi durante la cottura: ecco perché vi consiglio di utilizzare erbe aromatiche fresche e, se vi piacciono, le spezie come lo zafferano, che risaltano decisamente di più rispetto ad una cottura normale. Io ho scelto erba cipollina e finocchietto fresco; potete cambiarli anche con altri aromi, come il timo (meglio ancora se limonato!), maggiorana, alloro, prezzemolo. 

zuppetta moscardini patate_ingredienti_lapulcetraifornelli
gli ingredienti principali di questa zuppetta ! 

Per realizzare questa zuppetta occorre un pochino di pazienza, ma vedrete che ne varrà la pena: il mio consiglio è di scegliere ed acquistare moscardini freschi, pescati, e se avete qualche difficoltà nel pulirli non esitate a chiedere al vostro pescivendolo di fiducia. 

zuppetta di moscardini in vasocottura_lapulcetraifornelli

Zuppetta di moscardini e patate

NOTA : INGREDIENTI PER 4 BARATTOLINI ERMETICI DA 2 DL 

Piatto Main Course
Cucina Italian
Keyword pesce, vasocottura
Preparazione 30 minuti
Cottura 1 ora
Tempo totale 1 ora 30 minuti
Porzioni 4 persone
Calorie 280 kcal

Ingredienti

  • 800 g moscardini freschi
  • una patata
  • una cipolla di Tropea
  • una decina pomodorini pachino
  • uno spicchio aglio
  • erba cipollina
  • finocchietto fresco
  • 1/2 carota
  • 1/2 costa di sedano
  • 1/2 cucchiaino zafferano
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine di oliva

Istruzioni

  1. Lavate e pulite i moscardini, togliete le interiora; rovesciate la testa, sciacquando sotto l’acqua, ed eliminate la pelle esterna. Staccate la testa dalle ventose e tagliate i moscardini a pezzi. Fateli cuocere in una pentola abbastanza capiente senza aggiunta di acqua o sale per circa 30’. 
  2. Riducete a fettine sottili la cipolla, fatela stufare in padella con un cucchiaio di olio, lo spicchio d’aglio e un pizzico di sale: quando sarà morbida, unite i pomodorini tagliati a metà e spegnete.
  3. Pelate e tagliate la patata a fette molto sottili con la mandolina. 
  4. Filtrate l’acqua di cottura dei moscardini e versatela in un pentolino con la carota e il sedano; fate bollire per 15’, poi aggiungete lo zafferano, un pizzico di sale e di pepe e continuate la cottura per altri 10’. 
  5. Distribuite i ciliegini sul fondo dei barattolini, coprite a strati alternati di patate e di moscardini; inserite in ciascun barattolo un ciuffo di finocchietto fresco e qualche filo di erba cipollina, bagnate con il brodo (circa a metà di ogni vasetto), chiudete e fate cuocere a bagnomaria con i vasi immersi nell’acqua per trenta minuti. 
zuppetta di pesce_lapulcetraifornelli

Voi avete una canzone che vi ricorda il mare? Io adoro questa di qualche anno di Luca Carboni… 

La inserisco qui, perché l’ho ascoltata casualmente mentre preparavo la ricetta e mi sembra piuttosto azzeccata con il tema… 🙂 

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.