Come fare il carpaccio di polpo

Con il termine “carpaccio si intende un piatto a base di fettine sottili crude o semi-crude di carne o di pesce condite con olio, limone, sale e pepe; nel caso della carne si aggiungono anche scaglie di Parmigiano oppure rucola fresca.

Curiosità

Il carpaccio venne realizzato per la prima volta da Giuseppe Cipriani, proprietario e chef dell’Harry’s Bar di Venezia, che  nel 1950 preparò un piatto a base di fettine di carne cruda per la sua amica, la contessa Amalia Nani Mocenigo a cui i medici avevano proibito il consumo di carne cotta. Il colore della carne appena affettata ricordò a Cipriani il tema dei quadri di Carpaccio,  delle cui opere si teneva in quel periodo una mostra nel palazzo ducale di Venezia, e così nacque ufficialmente il nome del piatto.

Il carpaccio che vado a proporvi oggi è di invece di polpo, ed è uno dei piatti che mi hanno più incuriosito nella loro preparazione, lasciandomi un po’ scettica all’inizio ma ho dovuto ricredermi in fretta !

La ricetta

Vediamo come fare la preparazione del carpaccio di polpo : 

Ingredienti per 6 persone :

  • un polpo del peso di circa 1,2 kg
  • una carota
  • una costa di sedano
  • 1/2 cipolla
  • un cucchiaio di sale grosso
  • un cucchiaio di pepe in grani
  • un limone
  • un pizzico di sale fino
  • olio evo di ottima qualità
  • olive taggiasche denocciolate
  • un mazzetto di prezzemolo fresco

E poi vi servirà una bottiglia di acqua di plastica da un litro e mezzo !

Procedimento :

Fate bollire il polpo in una pentola capiente con le verdure mondate, il sale grosso e il pepe per circa 45′ ; deve rimanere molto al dente. Per il procedimento completo leggete l’articolo sul blog 🙂

Scolate il polpo; tagliate a metà la bottiglia di plastica, fate due/tre buchi con una  forbice sul fondo, poi infilatevi il polpo all’interno schiacciandolo bene con il pugno della mano, cosicché perda la maggior parte dell’acqua di cottura

come_fare_carpaccio_polpo
come_fare_carpaccio_polpo

Quando l’acqua non gocciolerà più dal fondo, avvolgete la bottiglia nella pellicola e sistemate in freezer per tutta la notte. Ho scelto la soluzione del freezer perché così il giorno successivo il polpo sarà per duro e si potrà tagliare agevolmente a fette anche senza l’utilizzo dell’affettatrice, altrimenti sarebbe stata necessaria!

Quindi il giorno successivo togliete il polpo dal freezer, tagliatelo a fette con un coltello ben affilato se come me non avete un’affettatrice a disposizione e sistemate le fette su un piatto da portata; fate un’emulsione con il succo di limone e l’olio evo, salate leggermente e versate sul polpo.

Condite poi con il prezzemolo tritato e le olive. Lasciate riposare in frigo per almeno 8 ore prima di servire!

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.