Danubio salato

Il danubio mi ha sempre incuriosito, ed è una delle ricette che tenevo da parte, “da provare prima o poi” ; ed ecco che il momento è arrivato, e con la scusa di provare questa ricetta ho utilizzato ancora una volta l’ottima farina dell’ Agripanetteria “La Cascinetta ”  di Villanova d’Asti, il paese in cui abito , e di cui ho già parlato in questo post . Prima di metterci al lavoro però , qualche curiosità in più sul danubio : che cos’è e quali sono le sue origini ? Il danubio è una corona di palline di panbrioche , farcite con marmellata di prugne o albicocche , oppure , nel caso in cui vogliate farlo in versione salata, con mozzarella , affettati e verdure a piacere .

Nonostante il nome , il danubio ha origini partenopee , più precisamente napoletane : la leggenda narra che un pasticcere di origini calabresi , Giovanni Scaturchio, fondò a Napoli in piazza San Domenico Maggiore una pasticceria ; negli anni ’20 , si sposò con una dama salisburghese, la quale fece conoscere al marito i dolci tipici del suo paese, come lo strudel, la torta sacher e il Buchteln , che venne presto napoletanizzato in Briochina del Danubio, per poi divenire soltanto danubio  . Ed ora la ricetta , tratta dal blog www.chiarapassion.com , che ho leggermente modificato :

IMG_3871

Dosi per uno stampo da 28 cm oppure per due stampi da 20 cm: 250 g farina di grano tenero integrale “La Cascinetta” 250 g farina di grano tenero “La Cascinetta ” 100 g di burro morbido 150 g di latte 10 g di lievito di birra fresco o 2 g di lievito secco liofilizzato 2 uova + 1 uovo per decoro 10 g di sale 30 g di zucchero  

IMG_3868

Per il ripieno :  una mozzarella tagliata a dadini, due falde di peperone rosso, 1/2 melanzana , olio evo e sale

Unite nella ciotola della planetaria le farine, lo zucchero, il lievito e mescolate con la frusta a K , poi unite il latte e le uova leggermente sbattute e continuate ad impastare . Aggiungete il sale e il burro morbido : non vi spaventate se all’inizio l’impasto sembrerà non incordarsi, continuate ad impastare per circa 10-12′ , cambiando il gancio ed utilizzando quello a forma di uncino . Quando vedrete che l’impasto inizierà ad incordarsi, aumentate la velocità fino a 4 e impastate ancora per 15′ . Naturalmente se non avete la planetaria potete impastare a mano , seguendo la stessa procedura .

Mettete l’impasto in una ciotola, coprite con pellicola e fatelo triplicare di volume : l’ideale sarebbe in forno  con la luce accesa. Ci vorranno circa 3 ore.

Nel frattempo tagliate a tocchetti il peperone e la melanzana , fateli appassire in una padella con un filo d’olio evo e  un pizzico di sale . Tenete le verdure da parte .

Trascorso il tempo di lievitazione, prendete l’impasto e fate tante palline , ognuna dello stesso peso , di circa 35-40 gr ; appiattite le palline e riempitele con qualche pezzetto di mozzarella e un cucchiaino di verdure , richiudete le palline a mo’ di sfera .

IMG_3824

Imburrate lo stampo e infarinatelo,  posizionate le palline con l’apertura verso il basso una accanto all’altra all’interno dello stampo un pochino distanziate, così che lievitando si uniscano  .

IMG_3827

Fate lievitare coperti con pellicola per altre due ore , poi spennellate con un uovo leggermente sbattuto

IMG_3828

e infornate in forno statico per 25′-30′ .

Et voilà, il vostro danubio è pronto !

danubio salato

Grazie ancora una volta alle preziose farine dell” Agripanetteria “La Cascinetta” per questo risultato !!

2 Comments

  • Posted 24 Maggio 2016
    by tizi

    sono sempre stata incuriosita dal danubio, voglio provarlo da tanto ma poi non mi decido mai perché ho paura di fallire nell’impresa 😉 a te è venuto bellissimo, complimenti 🙂

    • Posted 24 Maggio 2016
      by Chiara Lazzarin

      Stessa cosa valeva per me Tizi, non so da quanto volevo provarlo … ed è arrivato anche il suo momento ! Grazie mille per il passaggio, un abbraccio !

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.