Il mito del cibo afrodisiaco

“Non si sa di nessuno che sia riuscito a sedurre con ciò che aveva offerto da mangiare; ma esiste un lungo elenco di coloro che hanno sedotto spiegando quello che si stava per mangiare  ………. ”

 Manuel Vàzquez Montalban , Ricette Immorali . 

Esiste davvero un cibo afrodisiaco ? Beh, di sicuro per accendere il desiderio e aumentare lo sprint una bella cenetta è proprio quello che ci vuole ! Se poi vengono serviti i cibi giusti, magari accompagnati da un buon vino in un’ atmosfera romantica … direi che siamo già a buon punto !

vino e candele

La letteratura sui cibi dell’amore è molto vasta, e il mito che consumare alcuni cibi piuttosto che altri è molto diffuso ; c’è però (in alcuni casi ) , una base di verità scientifica , ad esempio per quanto riguarda gamberi, aragoste , scampi e ostriche , che sono ricchi di zinco , utile per la produzione del liquido seminale, e di iodio , che secerne diversi ormoni che favoriscano l’energia .

Altro esempio, il peperoncino : il suo principio piccante investe le papille gustative, mandando falsi messaggi di dolore al cervello , che reagisce stimolando la produzione di endorfine “rilassanti” ; inoltre, ha funzione vaso dilatatore, pertanto aiuta l’afflusso di sangue nei genitali maschili e femminili .

Un’altra spezia di sicuro effetto è lo zenzero : Nostradamus ne raccomandava l’uso “cosicché gli uomini possano compiere il loro dovere naturale” ,  questo perché migliora la circolazione sanguigna e alza il livello degli ormoni ; i cuochi di Madame du Berry preparavano un intruglio di tuorli e zenzero per indurre gli amanti della cortigiana  alla lussuria sfrenata .

Tra le altre spezie afrodisiache ricordiamo lo zafferano , la cui fama stimolante è diffusa soprattutto in Oriente ; la cannella, le cui foglie decoravano i templi di Venere nell’antica Roma ;  ed infine il cumino, il cui olio essenziale è ingrediente fondamentale per lozioni balsamiche usate per  massaggi erotici .

Frutti afrodisiaci….. 

Tra i frutti dalle proprietà afrodisiache abbiamo la melagrana, che per questo motivo viene associata alle feste della fertilità , così come accade per l’uva ; il fico, che nell’antica Grecia era uno degli alimenti sacri associati all’amore fisico , mentre in Cina si regalava agli sposi come augurio di prosperità ;  ed infine la mandorla , che veniva offerta in Italia come eccitante amoroso .

Approposito di dolce, doveroso citare il cioccolato come afrodisiaco d’eccellenza : era la bevanda sacra degli aztechi , associata alla dea della fertilità , è ricco di eccitanti e assumere cioccolato crea una sensazione di felicità che predispone all’eros.

Esistono le verdure afrodisiache ? 

E tra le verdure ? A gran sorpresa il primo posto viene assegnato al timido e forse un po’ insipido sedano , che contiene invece abbastanza vitamine e minerali da stimolare feromoni che , nell’uomo e in molti animali,  sono alla base del richiamo sessuale ; a seguire l’aglio , la cui unica condizione per non diventare anti-erotico è che deve essere mangiato da entrambi gli amanti, altrimenti un alito pestilenziale diverrebbe poco sensuale!

Ed infine l’alcool : è da sempre considerato il miglior afrodisiaco, perché  rilassa e lascia andare i freni inibitori ma…. attenzione ! Troppo alcool , oltre a compromettere le prestazioni maschili, porta sonnolenza …. quindi , non abusarne mai!

Bibliografia : “Afrodita” di Isabel Allende,  “La cucina italiana” , articolo di Giorgio Donegani.

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.