Biove piemontesi : il pane fatto in casa

Una delle più grandi soddisfazioni che provo cucinando è proprio fare il pane in casa. E dire che non l’avrei mai detto! Ma la sensazione di vedere il tuo impasto lievitare come per magia , cuocerlo nel tuo forno e assaggiarlo ancora tiepido è davvero meravigliosa! Quindi la Pulce oggi si trasforma in piccolo panettiere, e vi regala la ricetta di questo pane piemontese che è assolutamente da provare . Nota : non ho usato il lievito madre, so che è da preferire per la digeribilità del risultato, ma vi assicuro che con un panetto di lievito di birra si ottengono comunque ottimi risultati! Il segreto è nel tempo, vi raccomando di rispettare le tempistiche di lievitazione, anzi , ancor meglio se lo preparate il giorno prima e lo cuocete il giorno seguente. Consiglio della Pulce!!!!

Ora al lavoro :

per ottenere biove come quelle della foto occorrono : 300 gr di acqua, 500 gr di farina 00 , 18 gr di lievito di birra, 5 gr di malto (o miele), 20 gr di strutto (o olio extravergine) , 10 gr di sale .

Impastare acqua, lievito, 3/4 della farina ,malto e strutto. Aggiungere il sale, quindi a poco a poco la farina rimanente. Tagliate la pasta in quattro pezzi, copritela con un canovaccio pulito e lasciarla riposare per almeno 20 minuti.

IMG_0579

Trascorso il tempo tirate e ripiegate più volte la pasta su se stessa per interrompere la lievitazione, poi con il mattarello schiacciamo la pasta e formiamo quattro rettangoli , da cui formeremo 4 rotoli arrotolando la pasta con le mani.

IMG_0581
IMG_0582

Copriamo nuovamente i rotoli e facciamoli lievitare per 60 minuti :

IMG_0589

Trascorso il tempo , spezziamo il rotolo in due utilizzando una spatola non affilata o il retro di un coltello

IMG_0603
IMG_0605
IMG_0607

Imprimere un taglio al centro con un coltello molto affilato , mentre scaldiamo il forno a 250°

IMG_0609

Cuciniamo il pane per 30 minuti, per accettarsi se è cotto “bussare” sul fondo e poi …… mangiarselo!!!!!!! Buon appetito !!!!!

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.