Sognando il Madagascar (prima parte)

Nosy-be
Nosy-be

Siamo in vena di prenotare le vacanze, e anche se quest’anno l’estate si fa a vedere a singhiozzi (almeno qui al nord ) la voglia di partire è sempre tanta . Ed eccomi a proporvi per la rubrica “cronache di viaggio” una destinazione in cui ho lasciato personalmente il cuore alcuni anni fa , e nel solo rispolverare le foto per scrivere questo post mi è scesa una lacrimuccia di malinconia …… Da qui , il titolo del post : sognando il Madagascar,  perché questo viaggio è stato davvero una realizzazione di un sogno che io e mio marito avevamo da molto tempo ; e ,sebbene il tempo a disposizione sia stato poco, l’abbiamo sfruttato completamente , fino all’ultimo secondo . Cosa che consiglio di fare a tutti coloro che decideranno di intraprendere questo viaggio , come una scoperta continua di un sogno meraviglioso .

DSC02292

La nostra settimana di vacanza ha avuto inizio a Malpensa, con il volo che ci portato a Nosy Be , l’isola principale del Madagascar ; in malgascio, la lingua locale,  Nosy Be significa proprio grande isola . Il nostro viaggio è stato realizzato a settembre, ottimo periodo in quanto corrisponde alla fine del periodo delle piogge e all’inizio della primavera : in effetti abbiamo trovato sette giorni di sole stupendo , ed ha piovuto brevemente soltanto una notte.

nosy-be
nosy-be

Appena sbarcati dall’aereo ci hanno trasferito al villaggio : la nostra struttura è il Bravo Andilana Beach, ottimo hotel che posso consigliare, sia per quanto riguarda la posizione che il trattamento generale . Circondato da una lunghissima spiaggia bianca e da un mare cristallino,

andilana-nosy-be
andilana-nosy-be

il villaggio possiede un meraviglioso giardino tropicale che farà innamorare gli appassionati della natura : perché il Madagascar è questo, colori , profumi, natura in primis . Un piccolo paradiso terrestre, uno tra gli ultimi rimasti .

nosy-be
nosy-be
nosy-be
nosy-be

Non dimenticherò mai i profumi . Si sono insinuati in una parte del mio cervello e si sono trasformati in un ricordo che non svanirà mai …. Non per niente l’isola è la madrepatria della pianta di ylang-ylang   : il profumo di questa pianta dai fiori gialli si espande per chilometri ed è facilmente riconoscibile dopo poco tempo di permanenza . I fiori dell’ ylang-ylang vengono fatti essiccare per poi essere utilizzati come base in profumeria : tanto per fare nomi, l’essenza di questo fiore è una dei profumi di base di Chanel n°5.

ylang-ylang
ylang-ylang

E trascorre così il primo giorno, tra un giro in villaggio in mezzo ai profumi e alla natura più coinvolgente e una breve escursione ad Helville, la capitale :

helville
helville

Degno di nota il mercato delle spezie : oltre alla già citata essenza di ylang-ylang, al mercato potrete annusare spezie che stordiranno il vostro olfatto , come cannella , chiodi di garofano, pepe verde e la meravigliosa, inimitabile vaniglia ! 

Il viaggio prosegue alla scoperta delle isole che circondano Nosy Be : Nosy Iranjia, Nosy Komba, Nosy Tanikely e la meravigliosa riserva di Lokobe , dove abbiamo fatto amicizia con gli abitanti più famosi di quest’isola ………….

lemure
lemure

Stay tuned, il viaggio continua ……………………………..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *